(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-77294876-2', 'auto'); ga('send', 'pageview');

Abstract

“Peer Education”, letteralmente “Educazione tra Pari”, ma in realtà è molto di più. Le buone norme non vengono calate dall’alto, ma condivise con i propri compagni!

I ragazzi coinvolti come Educator a seguito di una formazione sulla gestione dei gruppi e sui temi caldi dell’Educazione alla salute (Dipendenza da sostanze ed Affettività e sessualità) fanno da figure di riferimento e di formazione ai loro colleghi di classe prima.

Descrizione

Il progetto Peer Education, promosso dall’ATS di Brescia in numerosissimi istituti superiori di Brescia e provincia, nel nostro Centro è presente dal 2013/2014.

In cosa consiste? E’ un modello di formazione centrato  sul ruolo attivo degli adolescenti. Prevede la formazione da parte di Educatori esperti dell’ATS di un gruppo di studenti interclasse (classi seconde e terze) su varie tematiche riguardanti l’Educazione alla Salute. Il fine è che siano gli stessi Peer Educator ad entrare nelle classi prime a sensibilizzare gli studenti sulle tematiche svolte. Finora questi temi hanno riguardato le dipendenze (da sostanze e non solo) e l’affettività e la sessualità, ma i temi che suscitano interesse da parte dei ragazzi sono molti: bullismo e cyberbullismo, dipendenza da cellulare, tecniche di studio…

Un punto di forza del nostro Centro è l’attiva partecipazione anche dei Docenti come supporter dei Peer Educator, tramite lezioni dedicate e da quest’anno (2017/2018) ci saranno molte novità in campo, come “La Settimana della Salute” che si terrà a marzo.

Cosa ci guadagnano i ragazzi? Imparano che si può essere un esempio positivo, che si può collaborare in modo costruttivo sia con i coetanei sia con gli adulti e scoprono che non si è soli soprattutto quando si è in difficoltà.